Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.
Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].


ok

La levigatura: la preparazione di un pavimento

09.12.2016

Esistono diversi tipi di rivestimenti in resina, questo per soddisfare le varie necessità nell’edilizia industriale e privata. Ognuno di questi rivestimenti offre diverse caratteristiche:

-    Resistenza all’usura
-    Resistenza chimica
-    Resistenza alla compressione
-    Una facile manutenzione
-    Spessori ridotti

Questi rivestimenti si differenziano l’uno con l’altro per il tipo di spessore che varia a seconda della destinazione d’uso della pavimentazione.

In questo e nelle prossime news vi mostreremo le tre operazioni fondamentali che fanno parte della preparazione dei pavimenti:  levigatura, pallinatura e scarificatura.
Un’adeguata preparazione del pavimento è la base principale per ottenere un ottimo risultato e permettere alla resina di aderire perfettamente al sottofondo consentendone una maggior durata. Quindi, la buona riuscita di un rivestimento in resina è data dalla scelta del giusto tipo di preparazione, con le giuste attrezzature.

1.    La levigatura è un ottimo sistema di abrasione del supporto prima dell’esecuzione di un rivestimento in resina a basso spessore, fino a 1,0 mm. Questa operazione viene svolta con una macchina levigatrice a giri variabili sotto la quale sono montati utensili diamantati di varie grane a seconda del tipo di situazione. Queste attrezzature sono predisposte per potervi attaccare un aspiratore di tipo industriale lavorando quindi in assenza di polvere.